Umano Inumano Postumano

Umano inumano postumano – le sfide del presente di Marco Revelli

Umano inumano postumano – le sfide del presente di Marco Revelli
La crisi dell’umanità oggi

Il politologo Marco Revelli ha pubblicato per Einaudi il suo nuovo saggio ‘Umano inumano postumano – le sfide del presente’. Un testo dove si parla del confine sottile tra umanità e disumanità nella storia, senza tralasciare quel postumano generato dal rapporto con la tecnologia che pone problemi etici.

L’Inumano

“L’inumano non è l’opposto dell’umano e non è un qualcosa che ci sta fuori e lontano – dice l’autore -, l’inumano è qualcosa che appartiene agli uomini ed è quando gli uomini cominciano a considerare gli altri uomini nulla o delle cose, come è accaduto nel 900 con Auschwitz. Metto in connessione il lontano passato con l’antichità classica e l’humanitas latina che era una forma di benevolenza, il modo con cui l’uomo riconosce se stesso nell’altro uomo e così compartecipa del suo dolore e della sua sofferenza.”

Oggi

“Oggi c’è una caduta nella capacità di ascolto dell’altro e abbiamo un modo di guardare, di pensare e trattare gli altri – lontani ma anche vicini come i migranti, i bambini senza genitori nel terzo mondo, i naufraghi dei barconi, – senza compartecipare del loro dolore ma ignorandoli, confinandoli o respingendoli.”

Cos’è il virus per il nostro tempo?

“Il virus rappresenta la penetrazione di qualcosa di inumano all’interno dei nostri stessi corpi e ciò produce delle rotture nel rapporto tra persone perché il distanziamento – necessario e indispensabile – rappresenta una forma di allontanamento degli uomini tra loro. Il virus ha imposto una selettività dei malati – in base all’aspettativa di vita, età e condizioni di salute – per avviarle alla terapia intensiva o al fine vita, una decisione necessaria in condizione di scarsità di mezzi ma disumana che rivela qualcosa di noi che, prima ancora che arrivasse la pandemia, eravamo già ammalati di solitudine, di egoismo e indifferenza nei confronti degli altri”.

Umano Inumano PostumanoScheda Libro

Editore: Einaudi
Collana: Vele
Anno edizione: 2020
Pagine: 129 p., Brossura
Prezzo: €12.00

Descrizione

Oggi l’Umano subisce una doppia frattura: l’irruzione dell’Inumano e l’emergere del Postumano sono i due fronti di una sfida mortale.

Il concetto di Umanità è antico e attraversa la storia dell’Occidente. Ma nel Novecento esso subisce una brusca torsione, per effetto del superamento di una doppia soglia: quella che separa Umano e Inumano, da una parte. E quella che divide Umano e Postumano, dall’altra. Due fratture che si sono consumate in rapida successione. Con Auschwitz si rompe la soglia tra Umano e Inumano.

La Disumanità come In-umanità diventa la trama del nostro presente, nel momento in cui, per esempio, si chiudono i porti all’arrivo dei migranti, decidendo di non salvare altri esseri umani.

Il superamento della seconda soglia è quella tra Umano e Postumano, laddove la tecnologia è costruita a somiglianza dell’essere umano, assumendo aspetti a volte salvifici, a volte inquietanti.

L’autore

Umano Inumano PostumanoMarco Revelli ha insegnato Scienza della politica all’Università del Piemonte orientale. Fra i suoi libri ricordiamo: Le due destre: le derive politiche del postfordismo (Bollati Boringhieri 1996) e La sinistra sociale (Bollati Boringhieri 1997). Per Einaudi ha curato il testo di T. Ohno, Lo spirito Toyota (1993) e pubblicato Oltre il Novecento (2001), La politica perduta (2003), Poveri, noi (2010), Finale di partito (2013), Non ti riconosco (2016), Populismo 2.0 (2017), La politica senza politica (2019) e Umano Inumano Postumano (2020).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.